In God we trust

Non lasciarti vincere dal male, ma vinci il male con il bene -Romani 12:21

mercoledì 28 marzo 2012

Ciambella macrobiotica alle mandorle


Ho fatto questa ciambella per il compleanno della mia amica e la sua bimba nonchè mia nipote l'ha divorata....
200 gr. di farina di grano 0
100gr di farina integrale di farro
100gr. di malto
100ml. di olio di girasole
50gr. di mandorle tritate
50gr. di nocciole tritate
1 bustina di cremor tartaro
1pz. di sale
1/2 c. di vaniglia
1c. di cannella
200ml. di latte di soya
Mischiare tutti gli ingredienti secchi in una ciotola e tutti gli ingredienti liquidi in un'altra ciotola
Unire gli ingredienti liquidi a quelli secchi e mescolare , allungare ancora con del altte se risultasse troppo densa. L'impasto deve restare molto morbido, quasi liquido.
oliare ed infarinare uno stampo da ciambella e infornare a 180° x 20/25 minuti circa.

martedì 27 marzo 2012

Menu macrobiotico : riso al limone


Buongiornoa tutti,
Ho pensato d'ora in poi di aprire un TAG dedicato solo ai MENU, in modo che ogni giorno possiate trovare un menu macrobiotico completo da riproporre a pranzo o cena. Spero che sia utile per tutti voi !
Il menu di oggi consiste in risotto al limone, tempe al rosmarino e salvia e crema nori

Risotto al limone
1 tazza di riso integrale
2 tazze di brodo vegetale con dado autoprodotto
1 limone e la sua scorzetta
1 C. di olio di oliva
1/2 cipoolla
Gomasio a piacere

Iniziamo con lo scaldare l'olio in una pentola a fondo spesso con l'aggiunta del solito pizzico di sale per equilibrare lo yin dell'olio. Aggiungiamo la cipolla tritata e lasciamo imbiondire, quando diventa trasparente aggiungiamo il riso e lo facciamo tostare per alcuni minuti . Aggiungiamo il brodo, copriamo e lasciamo cuocere per 1 ora, verso fine cottura aggiungiamo anche il succo di limone ed ultimiamo la cottura.
Una volta pronto , mescolare molto vigorosamente il risotto ed impiattare cospargendo ogni piatto con le scorzette di limone , si puo' spolverare anche un cucchiano di gomasio se lo si desidera.

trovate la ricetta del Tempeh e della salsa nori qui: Tempeh , salsa nori

lunedì 26 marzo 2012

colazione macrobiotica

Buongiorno!!
Scusate la latitanza degli ultimi giorni ma ho passato un week-end molto intenso....a partire da Sabato , giornata che ho dedicato a me stessa in tutto e per tutto. La mia giornata è iniziata con un fantastico massaggio ayurvedico, dovete sapere che ogni settimana mi sottopongo ad un trattamento in un centro ayurvedico e questo sabato Desie la mia bravissima terapista mi ha fatto vivere per la prima volta l'esperienza di un massaggio shirodara.E' un trattamento molto potente e in genere si fa dopo un percorso di altri massaggi, una sensazione di benessere totale fisico e mentale, vi dico solo che la mia cara amica che ho poi incontrato nel pomeriggio appena mi ha vista mi ha chiesto cos'avessi fatto al viso perchè avevo una pelle splendida...lucente. Ecco questo è l'effetto esteriore del massaggio..emani luce , la tua pelle è estesa, liscia e luminosa...e la stessa sensazione l'avevo al mio interno un senso di calma e solarità.
La giornata non si è limitata a questa esperienza, infatti nel pomeriggio io e la mia amica Sonia abbiamo partecipato ad una lezione di Ashtanga Yoga...., se non conoscete questa pratica googlatela e guardate di cosa parliamo. E' uno yoga molto dinamico, dove la respirazione da il tempo alle asana. L'effetto è certamente di profonda purificazione e armonizzazione del corpo. Dal mio punto di vista non è per neofiti.....ma davvero interessante.
La pratica l'abbiamo fatta presso un bellissimo centro yoga che si trova nel cuore di Lugano: Yoga Roof .
Nonostante questo non sono rimasta in dietro con la nostra cucina, anzi..ho acquistato alcuni nuovi libri di macrobiotica e presto vi portero' qualche ricetta nuova...
Intanto vi lascio un 'ottima ricetta per la prima colazione.
Colazione macrobiotica.
La domanda che mi si fa piu' spesso circa il regime alimentare macrobiotico riguarda la colazione..cosa mangio?
La risposta è semplice: zuppa di miso.... scherzo. Certo la zuppa di miso o la crema di cereali ( vedi ricetta qui ) sarebbero perfettette ma non dobbiamo limitarci a questo, ci sono tante altre preparazioni che sono una valida alternativa come questo miglio che vi propongo oggi
Torta di miglio alle pere
1 tazza di miglio decorticato
2 tazze di succo di mela
2 pere a tocchetti private di torso e buccia
1 pz. di sale
Sciacquare molto bene il miglio e metterlo in una casseruola con il succo di mela e il pizzico di sale. Portare a bollore, abbassare la fiamma e cuocere a fuoco basso per circa 20 minuti coperto. A metà cottura aggiungere le pere, senza mescolare .
Una volta cotto versarlo una teglia o uno stampo , si puo' mangiare tiepido e si conserva per alcuni giorni in frigorifero.
Questa torta puo' essere servita in vari modi. Potete servirla calda in una scodellina come se fosse una crema con aggiunta di un cucchiaio di malto
Oppure potete lasciarla raffreddare e tagliarla a fettine ,colando un cucchianino di malto su ogni fetta.
In questo modo avete ottenuto una torta evitando la cottura al forno di cui la nostra cucina ne è già particolarmente ricca tra pane, focacce ecc.
Focus on: il Miglio
Il miglio come sapete è un cereale alcalinizzante con una forte energia, è il cereale legato all'energia terra e aiuta anche ad asciugare il corpo.

giovedì 22 marzo 2012

Torta al cioccolato e pere vegan


Ingredienti
Per la frolla
200gr. farina bianca 0
100gr. farina di farro integrale
200gr. margarina vegetale
2C. malto di riso
buccia di 1 limone bio
1pz. di sale
1c. di cremotartaro
Per la crema
250ml. di panna di soya
2 tavolette di cioccolato fondente
70gr. di zucchero o 100gr. di malto di riso
250ml. di latte di soya alla vaniglia
1c. di agar agar in polvere
2 pere williams
mischiare il lievito con le due farine e il pizzico di sale, creare una fontana sulla spianatoia e versare nel centro la margarina fusa, incominciare ad incorporare velocemente la farina fino ad ottenere una palla morbida ed elastica, se risultasse troppo dura aggiungere un pochino di latte.
Stendere la frolla con un mattarello e rivestire una teglia di diametro 27 cm.
Pelare la pera e tagliare delle fettine alte 1/2 centimetro , rivestire la base della frolla con le fettine di pera.
In un pentolino versare la panna, il latte, il malto, l'agar agar con un pizzico di sale . sciogliere l'agar agar a fuoco lento portando a bollore. quando il latte con la panna bollono aggiungere qualche quadretto di cioccolato alla volta , una volta sciolto tutto il cioccolato verificare la dolcezza ed aggiustare nel caso risultasse ancora amaro ( dipende molto dal cioccolato fondente che utilizzate)
Lasciar raffreddare il composto un paio di minuti e poi versarlo sulla frolla .
Cuocere in forno ventilato a 180° per 25-30 minuti
Lasciar raffreddare alcune ore a temperatura ambiente prima di servire.

risotto al cavolo rosso e tempeh marinato



Ingredienti
2 tazze di riso integrale
1 cavolo rosso piccolo
3 lt.brodo vegetale
1 bicchiere di vino rosso ( facoltativo)
1 cipolla
2C. di olio evo
In un tegame largo a fondo spesso scaldare i due cucchiai di olio con 1 pizzico di sale , aggiungere al cipolla tritata e soffriggere leggermente. Aggiungere il riso e tostare per alcuni minuti.
Affettare il cavolo rosso molto sottilmente e aggiungerlo al riso. Sfumare con il bicchiere di vino ed iniziare ad aggiungere il brodo. mescolare molto spesso e continuare ad aggiungere brodo fino a cottura ultimata. Agigustate di sale e servite
Se desiderate potete spolverare un cucchiaino di gomasio epr renderlo acnora piu' saporito.
Io l'ho accompagnato a un tempeh marinato che è risultato veramente gustoso.
Tempeh marinato
1 confezione di tempeh
2C. di salsa tamari
2C. di acidulato di riso
10 foglie di salvia sminuzzate
2 rametti rosmarino tritati.
Il procedimento è semplicissimo, tagliate il tempeh a fettine o a cubetti, mettetelo in un recipiente e versate sopra la salsa tamari, l'acidulato e gli aromi freschi. Aggiungete acqua naturale fino a coprire il tempeh.
Potete lasciare il tempeh a marinare da pochi minuti fino a 12 ore, a seconda del sapore che volete ottenere. Io avevo poco tempo e l'ho lasciato marinare per una mezz'ora circa.
Una volta marinato versate tutto in una padella antiaderente ( meglio se usate quelle in ceramica) e lasciate cuocere per 15 minuti circa a fuoco lento in modo che il sughetto non evapori completamente. spegente e servite caldo

mercoledì 21 marzo 2012

Miglio e zucca con stufato di fagioli neri e puntartelle


Il menu che vi presento oggi potrebbe essere perfetto durante una fase di depurazione del fegato le puntarelle infatti oltre ad essere una verdura a foglia verde hanno un sapore leggermente amarognolo e l'ayurveda ci insegna che le verdure di sapore amaro sono depuratori naturali del fegato. Oltre a questo i fagioli neri sono i legumi piu' indicati per reni e fegato essendo di colore nero e quindi, secondo la medicina cinese, sono legati a tutti gli organi di colore scuro.
Menu' day 22
Miglio e zucca
uno dei piatti piu' conosciuti della macrobiotica è propio la crema di miglio e zucca, potete renderla piu' o meno densa a seconda del gusto. Oggi vi presento una versione tipo risotto.
Ingredienti:
1 tazza di miglio
2 tazze di acqua
2 tazze di zucca con la buccia
1 dado vegetale ( autoprodotto)
1c. di Tekka
In una pentola aggiungere il miglio ben sciacquato ( in modo da eliminare la saponina) con le due tazze di acqua, il dado o in mancanza del dado un pizzico di sale e la zucca tagliata a tocchetti. Portare a bollore, abbassare la fiamma e cuocere per 20 minuti circa o fino a quando tutta l'acqua verrà assorbita.
una volta cotto mescolate vigorosamente. condite con un cucchiaino di tekka per persona.
Puntarelle
Le puntarelle sono solo scottate per 2 minuti in acqua bollente e poi condite con acidulato umeboshi
Stufato di fagioli neri
Ho cotto i fagioli neri per 1 ora in pentola a pressione con 5cm. di alga Kombu dopo averli lasciati in ammollo per tutta la notte.
Ho utilizzato le verdure dolci che mi erano servite per fare il brodo di verdure dolci ( zucca,cavolo, carota in uguale quantità) e le ho unite ai fagioli.
Ho spennellato una pentola con un cucchiaino di olio di sesamo ( omettere se state seguendo ancora la maratona di depurazione) e ho fatto saltare il tutto per 3-4 minuti salando leggermente. Ho allungato con mezzo bicchiere di acqua e ho alsciato stufare per 10 minuti ancora.
Impiattare.
Se avete problemi nel digerire i fagioli aggiungete una spolverata di assafetida ( spezia ayurvedica)

martedì 20 marzo 2012

shorba tunisina


Ieri sera ho riproposto una zuppa che eravamo soliti mangiare ogni giorno durante il nostro viaggio in Tunisia. Infatti in molti paese orentali c'è la sana abitudine di iniziare i pasti con una ciotolina di zuppa, dovremmo imparare anche noi quest'usanza perchè è una delle migliori abitudini per mantenere sano ed attivo il nostro stomaco, aiutando la digestione.
Ecco la mia personale versione della shorba
Ingredienti:
2/3lt. di acqua
1 tazza di carote
1 tazza di daikon
1 tazza di cavolo bianco tagliato sottile
1/2 tazza di lenticchie rosse
1/2 tazza di lentichcie rosse
1 C. di salsa di pomodoro concentrata bio ( facoltativo)
1c. di cumino
1/2 c. di pepe nero
piccante a piacere
1 limone
1pz. di sale
Mettete a bollire l'acqua con un pizzico di sale e aggiungere le lenticchie rosse,portere a bollore e cuocere per 5 minuti, quando bolle aggiungere le carote e il daikon tagliati a dadini. Lasciar bollire 5 minuti, aggiungere la salsa di pomodoro e aggiustare di sale.
Aggiungere il cous cous e cuocere ancora 10 minuti.
A parte tritare il cumino in un mortaio ed aggiungere la polvere ottenuta alla minestra insieme al pepe.
Impiattare e spremere un paio di spicchi di limone sopra la zuppa calda.
Questa zuppa è davvero deliziosa e molto bilanciata contenendo proteine (lenticchie)carboidrati ( cous cous) e verdure. Inoltre non dimenticate che bere qualcosa di liquido e di caldo aiuta tantissimo lo stomaco a rilassarsi .

domenica 18 marzo 2012

riso integrale con crema nori, broccoli in agro e




Pranzo day 20
Ebbene si siamo già arrivati al 20esimo giorno di depurazione. Oggi il tempo è brutto e cosa potrà mai fare una macrobiotica di domenica, a casa con la pioggia?? Cucinare naturalmente ..
Mi sono svegliata molto presto questa mattina, complici le nuove pastiglie che mi ha prescritto la mia terapeuta ayurvedica che mi fanno dormire così' bene la notte che al mattino mi sento sempre riposata, come oggi che aprendo gli occhi mi aspettavo fossero le 9, quando invece a mia sorpresa ho visto che erano solo le 7.30...
Dopo il mio bicchiere di acqua calda a stomaco vuoto per risvegliare l'intestino ho fatto una sessione di yoga con Tara Stiles, io la trovo bravissima e potete seguire le sue lezioni on line qui. Mi rendo conto che sono tornata ad essere molto rigida da quando non frequento più' assiduamente le lezioni di yoga e sarà decisamente il caso che io riprenda alla svelta.
Questa mattina ho preparato la crema di nori che poi ho aggiunto al mio cereale a pranzo. è una crema facilissima da fare e aiuta molto la circolazione, è speciale per chi soffre di vene varicose e capillari fragili.

Crema di Nori:

prendete 4 fogli di nori e li lasciate a bagno in mezza tazza di acqua per alcuni minuti, Poi aggiungete ancora un pochettino di acqua e fate sobbollire per 15-0 minuti, si forma una crema densa. Lasciate raffreddare e mettete in un vasetto di vetro, la conservate in frigorifero e ne aggiungete un paio di cucchiaini a pasto su cereali o verdure.
Le alghe nori sono quelle che contengono minor percentuale di iodio e per questo sono indicate per un uso quotidiano.


Vi consiglio di provare questa cremina è davvero deliziosa.

venerdì 16 marzo 2012

MASSAGGIATI.CH


Sabato 24 e domenica 25 Marzo se siete in zona Lugano NON perdetevi la fiera del benessere Massaggia-ti.ch .Domenica mattina ci sarà una conferenza sull'alimentazione vegetariana,vegana e macrobiotica tenuta dalla dott.ssa Michela De Petris, DA NON PERDERE !!! io andro' se qualcuno viene fatemelo sapere!
Per tutte le info cliccate sul sito: www.massaggia-ti.ch

Alimentazione Vegetariana


Alimentazione vegetariana nell'adulto e nel bambino: basi scientifiche e indicazioni pratiche
Michela De Petris, Medico Chirurgo, Specialista in Scienza dell’Alimentazione, esperta in alimentazione vegetariana, vegana, macrobiotica e nella terapia nutrizionale del paziente oncologico. Medico Ricercatore in studi di intervento alimentare presso l'Istituto Nazionale dei Tumori di Milano fino al 2008; attualmente Medico specialista dell’Ospedale San Raffaele di Milano. Dietologa libero professionista presso il Centro di Medicina Antroposofica Artemedica di Milano. Membro della Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana (SSNV) e dell'Istituto per la Certificazione Etica ed Ambientale (ICEA). Autrice del libro “Ricette da favola per bimbi sani e...mamme in gamba” ed. Novalis.
Domenica 25 dalle 10.30 alle 11.30 al convegno Educare al BenEssere, sala E Palazzo Congressi

giovedì 15 marzo 2012

Quadretti di castagna


Oggi voglio postare un dolcetto che ho fatto qualche settimana fa . E' una merenda super sana e super golosa per grandi e piccini. Le castagne hanno una dolcezza già al naturale che consente di non dover abbondare con altri zuccheri. Questo dolce si mantiene molto bene per alcuni giorni.
Per chi non usa il cioccolato puo' tranquillamente sostituire il cacao con polvere di carrube.


200gr. di farina di castagne

100gr di farina bianca 0 o di riso

50 gr. di cacao amaro ( o carrube)

200gr. di malto di riso

300 gr. di latte di soia

100 gr. di olio di semi deodorato

3 cucchiai di rum o mirin

1 cucchiaio di pinoli



Mescolare tutti gli ingredienti secchi tranne i pinoli in una ciotola. In una ciotola a parte mescolare tutti gli ingredienti liquidi. Versare gli ingredienti liquidi nella cotola del secco e mescolare vigorosamente.

Aggiungere latte di soia se necessario e frullare l'impasto con una frusta elettrica.

Oliare una pirofila rettangolare ed infarinarla. Versare il composto senza superare i 2cm. di altezza, cospargere la superficie di pinoli ed infornare a forno preriscaldato a 180° per 30 minuti circa .

Il dolce è pronto quando si creano delle crepe in superficie.

Ottimo da servire ancora tiepido.

lunedì 12 marzo 2012

Polenta e crema di verdure dolci


Continua la maratona con una nuova priva di olio.

Polenta e crema di verdure dolci

500 gr. di polenta integrale istantanea
2 litri di acqua
sale

Crema di verdure dolci

zucca,carote,cavolo

Ho utilizzato una polenta istantanea, perciò' basta seguire le istruzioni, per la mia bisognava portare a bollore 2lt. di acqua con un pizzico di sale, aggiungere la polenta a pioggia e cuocere per 10-15 minuti.

Per la crema:
Tagliare le verdure a tocchetti, metterle in una pentola a fondo alto e aggiungere due dita di acqua, portare a bollore, abbassare la fiamma e lasciar cuocere per 3/4 ore. frullare il tutto.
Questa crema serve per condire cereali e verdure.
Spolverare un cucchiaino di gomasio a testa.

venerdì 9 marzo 2012

Miglio saporito con broccoli in salsa di miso


Day 11

Miglio saportito

Ingredienti

1tazza di miglio
2 tazze di acqua
1 dado vegetale autoprodotto
prezzemolo qb.

Sciacquare il miglios otto acqua corrente e portare a bollore con i due volumi di acqua fredda e il dado vegetale. Quando bolle abbassare la fiamma e cuocere per circa 15/20 minuti ( dipende molto dal tipo di miglio)
Una volta cotto spegnere e aggiungere il prezzemolo.


Broccoli in salsa di miso

In una pentola portare a bollore l'acqua senza sale, quando bolle aggiungiamo le cime di broccolo e calcoliamo 4 minuti. I broccoli diventeranno di un verde brillante.Spegnere e scolare.
A parte in una ciotolina stemperare 2cucchiaini di miso con 2 Cucchiai di acqua di cottura dei broccoli.
Versare al salsa sui broccoli e servire caldi.

Menu day 11


E senza accorgercene,abbiamo già passato i primi 10 giorni di depurazione. Io posso dire che mi sento benissimo, ho perso già 2Kg. il mio intesitno ha rinconminciatoa funzionare alla grande, mi sento leggere e non solo nel corpo. Mi sveglio la mattina con molta piu' energia di prima, ho un senso di fame e questo significa che ho ben digerito la cena della sera prima, sono vitale e anche l'umore ne sta giovando.
E voi come vi sentite?? voglio i vostri commenti ...

Ecco a voi la cena di ieri sera

INSALATA SCOTTATA CON TOFU ALLE ERBE

2 carote grattuggiate
1/4 di tazza di daikon grattuggiato
1/4 di cespo di lattuga
1/4 di tazza di cavolo nero scottato
1C. di salsa shoyu
1C. di acidulato di riso
1 confezione di tofu alle erbe ( non deve contenere olio aggiunto e sale)
1c. di gomasio

In una pentola larga aggiungere un cucchiaio di acqua e due di shoyu, portare a leggero bollore e aggiungere le carote e il daikon grattuggiato. Cuocere alcuni minuti, aggiungere il cavolo nero scottato e cuocere ancora un minuto, per ultimo agiungere la lattuga e lasciar appassire un minuto.
Impiattare, aggiungere il tofu a dadini e spolverare con gomasio fresco


L'insalata lattuga la scottiamo per renderla piu' digeribile, se la fate solo appassire pochi secondi resterà comunque croccante.

Gateau della Suocera


Buongiorno a tutti,
Oggi vi presento un piatto che non fa parte della nostra maratona, ma l'ho preparato per mio marito ed è venuto davvero delizioso.
Praticamente ho veganizzato il famoso gateau di mia suocera che naturalmente mio marito ama particolarmante, devo ammettere che non ne è rimasto affatto deluso!
E' un piatto ricco che con delle verdure abbinate diventa un piatto unico.

Gateau di patate della suocera



1kg. di patate gialle

150gr. Wurstel veg

200gr. mozzarella vegan

prezzemolo qb.

sale qb.



Per gratinare:

2Cucchiai di pangrattato

2Cucchiai di lievito in scaglie





Bollire le patate in acqua non salata, pelare e schiacciare le patate a purè. Aggiungere i wurstel a pezzettini e la mozzarella a cubetti, salare e aggiungere il prezzemolo.

Versare il composto in una teglia rettangolare, spolverare la superficie con il pangrattato e il lievito in scaglie e infornare a 200gradi x 20 minuti circa.

giovedì 8 marzo 2012

Pasta e ceci di Cristiana


Buongiorno a tutti ,
eccoci per il menu del DAY 8 della nostra maratona. Oggi arriva in soccorso Cristiana con il suo menu':
ceci in brodo, tris di verdura , cipolline borretane e zuppa di ceci con verdure dolci
.
Le ricette:

Pasta e Ceci:

4/5 tazze brodo vegetale
Ceci cotti 1/2 tazza
1 tazza Pasta corta integrale
prezzemolo e erba cipollina freschi

Mettere i ceci in ammollo la sera prima, cuocere in pentola a pressione con 1 francobollo di kombu per 40 minuti circa. In un pentola aggiungere il brodo e portare a bollore , aggiungere i ceci cotti, la pasta e portare a cottura. spolverare con le erbe fresche


CIpolline borretane in agro:

300gr.cipolline borretane
3 C. di acidulato di umeboschi
sale qb.

Mettere le cipolline in acqua fredda, aggiungere l' acidulato di umeboshi, un pizzico di sale, coprire e cuocere a fuoco moderato.


Tris di verdure:

catalogna bollita, condita con un po' di limone

zucca con tofu affumicato, cotti in padella con un po' di shoju e acqua, coperti a fuoco moderato, fino a che la zucca diventa morbida

rapa rossa glassata:

sbucciare le rape e tagliarle a dadini, metterle in una padella antiaderente con un pizzico di sale, un cucchiaio di malto d'orzo e un po' di acqua. cuocere a fiamma dolce con il coperchio, finché la verdura si ammorbidisce e il sugo evapora.

Grazie Cristiana!

mercoledì 7 marzo 2012

Macrobiotica


Buongiorno a tutti,
Vi voglio segnalare questo bellissimo blog, è i lingua inglese ma ha delle ricette davvero speciali e per la prima volta ho trovato un decalogo SERIO di quella che è o dovrebbe essere la dieta macrobiotica.vi invito a leggerlo:


You may have heard the term “Macro Diet” thrown around on wellness blogs or pop culture magazines discussing the latest dieting trends among celebs like Gwyneth Paltrow or Madonna. Well a Macrobiotic Diet is more than just a passing trend. And it is about more than just what you eat. Macrobiotics is really a way of life. And part of the macro life involves consuming foods that are rich in nutrients and balanced in their yin and yang properties. But really, you could study macrobiotics for years at places like the Kushi Institute (a center devoted to a Macro way of life). But for now, lets start with a few basics so that you can build your own Macro Meal!..

Macrobiotic Meal: The Basics

1. Grains. Grains are a huge staple of a macrobiotic meal. In fact, if you are a low-carb kind of dieter, you might be a bit shocked to find that whole grains should make up 50-60% of your meal. So load up on brown rice, barley, millet and more.

2. Vegetables. Veggies are the next most important aspect of your macro meal. And cooked and raw veggies should make up at least 30% of your plate. So pile on the leafy greens like kale and spinach. Other veggies may include root vegetables and whatever if local and in season. As you study macrobiotics further you will be able to learn the yin/yang properties of certain vegetables.

3. Beans. Beans, especially fermented bean products like tempeh and miso are especially important to your meal. Beans should be about 10% of your meal. Fermented beans found in tempeh or whole beans and legumes like lentils, chickpeas and more are best. But you could also use a processed bean product like tofu if need be. As you may know, fermented products are excellent for your digestive health since they contain natural probiotics from the fermentation process.

4. Fruit. Fruit, while hailed as incredibly virtuous in most diets, is really more of an afterthought in the macro diet. It is perfect for snacks and as a base for desserts — but would only be added as a pure accent or garnish in a true macro meal. Fruit-based desserts are very poplar among macro dieters with a sweet tooth.

5. Sea Veggies. Another important accent to your macro meal would be sea veggie products. Dulse, kelp, kombu, arame and more are healthy accents to your meal. Sea veggies are rich in vitamins and minerals and excellent for health. You don’t need a lot, just a small pile of those sea veggies can add salty flavor to your meal and boost nutrition.

6. Soup. Soups are a crucial part of a well-balanced macro diet. Soups that contain grains, veggies, sea veggies and beans are an ideal macro meal in a bowl. Plus the high water content and warmth of soups will fill you up and leave you satisfied. Miso soups are popular in macro cuisine.

7. Fermented Foods. Again, the importance of fermented foods is noted in macrobiotics. As mentioned above, tempeh is ideal. Also try sauerkraut and pickled veggies to get those extra probiotics in your diet.

8. Flavorings/Spices/Oils. Here are some popular kitchen pantry staples for crafting your macro meal: sesame oil, miso paste, sea salt, brown rice vinegar, tamari, safflower oil, dulse, tahini, brown rice syrup, veggie broth, dried mushrooms, nori, umeboshi vinegar, plums and paste.

9. The Fish Question. You might think that such a pure, whole-food based diet would be vegan or vegetarian — but actually if you choose, the macro diet does allow for white meat fish 1-3 times a week. The fish usually takes the place of the beans in a meal. Of course if you are vegetarian or vegan like me, you can build a well-rounded, nutrient dense, plant-based macro meal quite easily.

10. Whole Foods. Important to mention, that macro meals obviously pride themselves on being whole-food based. The less processed the better.

A great tip for starting our macro lifestyle is to buy a rice cooker. This will simplify the largest portion of your meal — whole grains!

Good Luck

martedì 6 marzo 2012

Possiamo cambiare !

Mousse di pere


E' vero che siamo in depurazione, ma non si puo' certo rinunciare al dolce per 40 giorni...o no??
Bene rimediamo subito...ecco un dolce da poter gustare anche durante la maratona. Zero grassi, zero zucchero e zero calorie...non male che ne dite?
Per una versione piu' golosa da riproporre in post maratona o da servire ad amici e parenti aggiungete 1 C. di crema di mandorle al momento di frullare il composto.

Ingredienti

1lt. di succo di mela ( puro al 100% senza zucchero aggiunto)
5C. di agar agar in fiocchi o 3c. in polvere
1 pera


Sciogliere velocemente l'agar agar nel succo di mela e portare a bollore, sobbollire finoa a qunado tutto l'agar agar sarà sciolto. aggiungere la pera a tocchetti e sobbollire ancora qualche minuto. Togliere dal fuoco e lasciar raffreddare.
versare in un contenitore e riporre in frigo per alcune ore.
Una volta che il composto sarà diventato solido, frullarlo in un mixer fino ad ottenere una crema morbida.

Involtini di verza ripieni al tofu


Cena day 7

Questi involtini li ho inventati mentre guidavo verso casa ieri sera, non so perchè ma le ricette migliori mi nascono sempre mentre sono alla guida .
Devo ammettere che sono venuti davvero gustosi questi involtini e non si sente affatto la mancanza di grassi aggiunti.
Il procedimento sembra lungo ma vi assicuro che è un piatto veloce.


Ingredienti

6 foglie di verza grandi
3C. di shoyu
1c. di kuzu o amido di mais
1C. di acidulato di riso o aceto di mele

Per il ripieno
1 panetto di tofu
2C. di capperi al naturale
1C. di shoyu
prezzemolo

Sfogliare un cavolo verza delle 6 foglie esterne piu' grandi. Portare a bollore l'acqua in un pentolino e scottare la verza per 3 minuti( non di piu' o diventa troppo molle)
In un altro pentolino,mettere il tofu e coprirlo di acqua fredda , aggiungere 1C. di acidulato di riso e portare a bollore. Sbollentare il tofu per 4-5 minuti.Scolare.
In un mixer mettere: il tofu, il prezzemolo, i capperi, la salsa shoyu e frullare, allungare con un pochino di acqua calda fino ad ottenere un composto solido ma omogeneo.

Prendere le foglie di verza, farcirle con 2C. di ripieno, arrotolare e chiudere i bordi come un pacchettino.
Adagiare gli involtini in una padella a base larga con un fondo di acqua e salsa shoyu alta due dita.
Coprire e cuocere per 10 minuti. Al termine togliere il coperchio, sciogliere il kuzu in un cucchiaio di acqua fredda ed aggiungere a filo nella pentola, mescolare il sughetto e aspettare che si raddensi.

Impiattare. ottimo accompagnato da riso basmati

Piantiamo , Piantiamo, Piantiamo

DoveConviene.it posso finalmente annunciare che il mio blog è da oggi ad impatto zero!





L'iniziativa in questione si chiama "il mio blog è CO2 neutral" ed il suo funzionamento è molto semplice: il blogger dichiara la sua disponibilità ad abbattere l'impronta ecologica del proprio sito e DoveConviene.it, in collaborazione con iplantatree.org, provvederà a piantare un albero in zone soggette a processi di riforestazione.

L'effetto benefico di questa iniziativa è garantito. Ogni anno infatti un blog o un sito internet producono in media 3,6 kg di anidride carbonica, un albero invece è in grado di assorbirne ben 5 kg annui.

La partecipazione da parte dei blogger è totalmente gratuita ed il modo di aderire è semplice ed intuitivo.


DoveConviene è da sempre molto attento all'utilizzo consapevole della carta e alla tutela del nostro patrimonio boschivo. Grazie alla sua attività tutti i volantini pubblicitari delle principali catene commerciali di elettronica, sport, ipermercati come (
bennet,
panorama,
ipercoop,
alpitour

solo per citarne alcune) vengono digitalizzati e resi disponibili online, in maniera gratuita e consultabili sia su pc che su smartphones iPhone e Android, attraverso una comoda applicazione. Ecco alcuni esempi di volantini digitalizzati:



Mediaworld volantino -> http://www.doveconviene.it/volantino/mediaworld


Ikea volantino -> http://www.doveconviene.it/volantino/ikea


Euronics volantino -> http://www.doveconviene.it/volantino/euronics


Decathlon volantino -> http://www.doveconviene.it/volantino/decathlon


DoveConviene vuole scoraggiare l'abuso di carta per fini pubblicitari e contribuisce a rendere più pulita la città. Per l'utente la comodità di poter accedere a tutte le offerte in qualunque momento, di poter rintracciare il punto vendita più vicino attraverso una pratica mappa e di poter conoscere rapidamente tutti gli orari di apertura, comprese le aperture domenicali.


Per chi vuole approfondire nel dettaglio sull'iniziativa vi invito a visitare http://www.iplantatree.org/project/7




lunedì 5 marzo 2012

BLOG A IMPATTO ZERO


Grazie ad un'iniziativa ambientalista promossa da DoveConviene.it posso finalmente annunciare che il mio blog è da oggi ad impatto zero
L'iniziativa in questione si chiama "il mio blog è CO2 neutral" e secome me postate un un messaggio come questo loro provvederanno a piantare un albero in zone soggette a processi di riforestazione.
L'effetto benefico di questa iniziativa è garantito. Ogni anno infatti un blog o un sito internet producono in media 3,6 kg di anidride carbonica, un albero invece è in grado di assorbirne ben 5 kg annui.
DIREI CHE NE VALE LA PENA !!!
Piantiamo Tanti alberi...forzaaaaaa
Trovate tutte el info qui: http://doveconviene.it/co2neutral/scarica-presskit e qui: http://www.iplantatree.org/project/7

Al momento, il progetto di riforestazione attivo al quale partecipiamo è dislocato a Göritz e gli alberi che stiamo piantando sono querce ( foto in alto)

Pranzo day 7 con il Bimby


Ieri sono stata fuori tutto il giorno con i ciginetti di mio marito e dopo una giornata di neve..ero cotta chi ce la faceva anche a cucinare? A volte benedico l'acquisto del Bimby..anzi..il regalo della mamma...
Cosi' in men che non si dica e senza sporcare la cucina e pentolame vario avevo cena della sera e pranzo del lunedi pronti.
Crema di zucca con Quinoa
1/4 di zucca
3 carote
1Tazza di quinoa
1 dado vegetale ( io uso sempre il mio dado vegetale fatto con il Bimby)
1c. di foglie di shiso per persona
acqua qb.
Per chi ha il Bimby:
Lavare bene le verdure e tagliarla a tocchetti, inserire el verdure nel cestello varoma, riempire a metà il boccale di acqua. Tempo 15 minuti, temperatura Varoma vel. 1
Una volta cotte, versare nella stessa acqua del boccale le verdure, frullare a velocità 7/8 per alcuni secondi, aggiungere il dado vegetale, alquinoa ben sciacquata. Tempo 15 minuti, temperatura 100°, vel 1 lame in direzione inversa.
Per chi non ha il Bimby:
Mettere le verdute tagliate a tocchetti in una pentola, coprire con molta acqua e portare a bollore, una volta raggiunto il bollore abbassare la fiamma e cuocere per 15/20 minuti.
Una volte cotte, frullare con un minipimer, rimettere sul fuoco aggiungendo il dado vegetale e la quinoa ben sciacquata, sobbollire coperto per circa 15 minuti.
Servire caldo spolverando un cucchiaino di foglie di Shiso.
Vi consiglio di cambiare sempre i condimenti alternando quotidianamente : gomasio/foglie di shiso e tekka

Week-end 3a parte


ore 12.30 Pranzo con le amiche
Ecco che il solito problema dell'uscita a pranzo durante la maratona della purificazione si ripresenta!!!
Fortunatamente ho trovato un piatto consono alla situazione anche per oggi. Questa volta è stata piu' dura perchè nonostante il risotante scelto abbia sempre dei piatti favoloso a volte è difficile trovare una portata vegetariana o vegana.
La scelta è ricaduta su un'insalatina di porri e cannelini davvero ottima!! E poi come potevo rinunciare a 4 chiacchere con le mie amiche del cuore?

Week-end 2a parte

Ore 11.00
Mercato Bio locale presso i Comboniani per il ritiro delle mie cassette di verdura.
A como ogni sabato mattina c'è un mercato del Bio, dove si ritrovano varie aziende locali che vendono i loro prodotti biologici a Km zero.
Io mi sono affiliata ad un G.A.S. locale e ogni lunedi faccio l'ordine delle mie verdure che ritiro il sabato successivo. E' un modo molto comodo per risparmiare e avere frutta e verdura Biologica fresca e oltretutto a Km zero!! Troppo spesso capita che il negozio naturale di fiducia abbia si verdura di stagione ma che arriva da Spagna, Portogallo ecc... molto meglio supportare le nostre fattorie e i nostro prodotti locali.
Oltre a questo adoro scambiare due parole con i gestori e magari discutere sui prodotti stessi... in una giornata di sole come quella di Sabato poi..è proprio un piacere.
Le verdure che ho acquistato? cavolo verza, cavolo cappuccio, cavolo nero, carote, zucca,daikon e broccoli.
Inoltre pane fresco con farina integrale di Kamut

Week-end 1a parte


Buongiorno a tutti !! Scusate la latitanza di questo week-end , ma a causa di lavori in salotto ho dovuto staccare internet e quindi ero fuori dal mondo per due giorni...una tragedia...Vi aggiorno ora sul mio week-end e spero che siate rimasti ligi al vostro dovere di depurazione!!
Ore 8.30 Lezione di Yoga tema: tristezza e solitudine.
La mia insegnante Yoga Donatella ha tenuto un workshop dedicato al tema della solitudine, è stato un incontro davvero illuminante e vorrei condividere con voi una pratica di purificazione di corpo fisico e mentale.
La pratica si chiama Surya Yoga e cliccando QUI trovate il video completo della pratica.
Provate e fatemi sapere cosa ne pensate!

venerdì 2 marzo 2012

Pranzo day4


Oggi ricetta davvero gustosa ve la consiglio !Ho preparato metà riso con soffritto canonico con olio di sesamo , per mio marito e l'altra metà per me senza olio
Riso Venere al profumo di limone
1 tazza di riso venere
2tazze di acqua
2 carote
2 gambi di sedano
saleqb.
succo e scorzetta di 1 limone
Gomasio
Sciaquare il riso sotto acqua corrente e cuocerlo in pentola con il doppio di volume di acqua. Cuoce circa in 20-30 minuti.
Tagliare la carota a cubettini piccoli e il sedano a lamelle, scaldare un tegame largo e aggiungere la verdura con un dito di acqua, lasciar appassire qualche minuto, aggiungere un pizzico di sale.
Aggiungere il riso venere precedentemente cotto, salare e lasciar insaporire per qualche minuto aggiungendo acqua se necessario. Sfumare il succo di limone e aggiungere la scorza del limone.
Servire con un cucchiaino di gomasio

Cena day 4


Ieri sera sono arrivata a casa molto tardi dopo il mio trattamento ayurvedico di cui dopo vi parlero'...e non avevo molto tempo per cucinare...quindi ho pulito velocemente alcune verdure le ho messe in pentola e le ho lasciate cuocere, nel frattempo mi sono fatta la dooccia e in mezz'ora io ero pronta e avevo la cena in tavola. ( anche per mio marito..seitan al curry con riso basmati pronto in 15 minuti)
Quindi:
Crema di verdure dolci con riso integrale :
1 tazza di zucca a cubetti con la buccia
1 tazza di cavolo bianco
1 tazza di carote
2 tazze di riso integrale già cotto
1c. di miso a persona
1c. di gomasio a persona
In una casseruola mettere le verdure e coprire con acqua , portare a bollore e sobbollire per circa 20-30 minuti.
Togliere dal fuoco e frullare la verdura finoa d ottenre una crema, aggiungere il riso e rimettere sul fuoco, sobbollire ancora 5 minuti.
Sciogliere il cucchiaino di miso in ogni ciotola con un pochino di crema bollente. Versare sopra la crema e spolverare con il gomasio.
La crema grazie al miso resta molto saporita oltre ad avere tutte le proprietà benefiche del miso, le verdure dolci sono perfette per l'energia terra che regola Milza-Pancreas , li rilassa e li tonifica.
Alla sera è sempre meglio restare leggeri, con una buoan digestione miglioriamo la qualità del sonno !

giovedì 1 marzo 2012

La sfida

La sfida piu' grande quando si inizia la amratona è forse quella di gestire invitia cena o al ristorante....
Bene se pensate di dovervi rinchiudere in casa per 40 giorni senza vedere nessuno vi sbagliate di grosso....l'importnate è avere qualche accorgimento.
Come concilaire La amratone della purificazione e un invito a cena?
OPZIONE A : se l'invito è a casa di amici non sussite problema, chiedete gentilmente che vi preparino un ipatto di cereali e verdure bollite o meglio ancora insegnate voi alla vostra amica/o a cucianre un piatto gustoso e sano senza condimenti..tornerà utile anche a lei!!
OPZIONE B: linvito a cena è al ristorante....nessun problema ! prendete voi l'iniziativa e scegliete il ristorante, come ho fatto io ieri sera. Era da tempo che dovevo uscire con la mia adorata cuginetta e cosi' l'ho portata al Giapponese . Ho ordinato zuppa di miso e un favoloso Cirashi di verdure ( riso e verdure al vapore) e cosi' facendo non ho sgarrato alla mia depurazione e non mi sono privata di un'uscita a cena in ottima compagnia!!!