In God we trust

Non lasciarti vincere dal male, ma vinci il male con il bene -Romani 12:21

venerdì 26 marzo 2010

zuppa con soba di fine inverno


Continuo ad attendere con impazianza la primavera, ma il tempo ci regala ancora acqua e umidità...Quale giornata migliore quindi per preparare un ottima zuppa con soba. Questa ricetta è velocissima da preparare, e si utilizzano le verdure che avete disponibile, quindi è perfetta per i giorni in cui non sapete cosa cucinare e avete li avanzate giusto due carote e una zucchina...
L'importante è avere sempre un pacchettino di soba in dispensa.


Ingredienti:
1 pacchetto di soba
2 carote
2 zucchine
1 cavolfiore
1 cipolla

In una pentola fate scaldare un cucchiaino di olio e aggiungete la cipolla tritata, fate soffriggere e poi aggiungete le verdure. Questo passaggio si può saltare se non volete utilizzare l'olio e quindi procedete come per una normale minestra di verdure, a me piace dare un gusto più saporito alla zuppa. Aggiungete del sale.
Quando le verdure sono rosolate aggiungete l'acqua e portate a cottura.
A parte in un pentolino fate cuocere la soba con un pizzico di sale. Leggete bene le istruzioni sulla confezione per la cottura e seguite meticolosamente i tempi indicati. La soba scuoce in fretta e diventa colla. Appena cotta (6-7 minuti) scolatela e sciacquatela bene sotto l'acqua fredda corrente in modo che non si appiccichi.
Ributtate la pasta nella zuppa di verdure e spegnete.
Servite ben calda in 4 ciotole.


Variazioni di tema:

Sale: Potete sostituire il sale nella cottura delle verdure e della soba con Salsa Shoyu oppure potete ometterlo completamente e aggiungere solo a fine cottura un cucchiaio di Miso a testa.
Soba: al posto della soba potete usare anche gli Udon o altri spaghetti simili


mercoledì 24 marzo 2010

insalata con cashew caramellati



La primavera è ufficialmente iniziata, il sole incomincia a farsi più caldo ed è tempo di adeguare anche la nostra alimentazione, introducendo alimenti più leggeri e freschi. In questo caso l'insalata ne fa da padrona.
Il forte Vata che è in me non mi fa amare le insalate ma qualche foglia fresca e croccante come inizio pasto mi sembra un ottimo compromesso, soprattutto se abbinato a dei dolci anarcardi cashew caramellati.


Ingredienti:
1 cespo di lattuga
1 manciata di anacardi cashew
sciroppo d'acero
olio
shoyu
acidulato umeboshi
1 pz. pepe di cayenna

Lavate ed asciugate bene l'insalata, io ho utilizzato solo della lattuga ma potete aggiungere più tipi di insalata a piacere.
In una padella mettete a tostare le arachidi e appena sono dorate aggiungete un paio di cucchiai di sciroppo d'acero, fate caramellare bene e a fine cottura aggiungete il pizzico di pepe di cayenna; lasciate raffreddare.
A parte prepariamo il condimento. La quantità di olio, shoyu e acidulato è molto personale e va a gusto. A me piace sentire tutti e tre i sapori, quindi in genere per 4 persone uso 2 cucchiai di olio per 1 di shoyu e 1 di acidulato.
Non aggiungete sale , la salsa shoyu è già sufficentemente salata.
Al momento di servire l'insalata versate sopra il condimento e decorate con le cashews.
Nota Ayurvedica
Vata: può abbondare con i condimenti per contrastare il gusto amaro e la leggerezza dell'insalata
Pitta : attenzione a non esagerare con il pepe di Cayenna
Kapha: non dovrebbe esagerare con i condimenti ma si può concedere un pizzico in più di pepe

Hummus di azuki


Era da tempo che avevo in mente questa ricetta e c'era giusto un pacchetto di fagioli azuki mezzo pieno in dispensa, perfetto per preparare il mio Hummus di azuki.
Il procedimento è lo stesso dell'hummus con i ceci. Ma anche questa versione è davvero particolare con quel gusto unico dato dai fagioli azuki.
Ingredienti
1 tazza di azuki
2-3 tazze di acqua
5cm alga kombu
1 spicchio d'aglio
sale qb.
olio evo

Mettere gli azuki in ammollo in acqua fredda per 12 ore, scolarli e metterli in pentola, meglio se usate quella a pressione. Aggiungete l'alga kombu ammorbidita sotto l'acqua corrente e 2 tazze di acqua. Portare la pentola a pressione o a bollore e calcolate 30-40 minuti di cottura. devono restare completamente sfatti. Se utilizzate la pentola a pressione controllate la cottura dei fagioli dopo 20-25 minuti per regolarvi con l'acqua e con il tempo di cottura.
Una volta cotti scolateli e passateli in un colino a maglie fini, in modo da separare le bucce. Nel frattempo pulite la testa d'aglio, schiacciatela e lasciatela a macerare nell'olio di oliva per 10-15 minuti a seconda dell'intesità di gusto che volete dare al composto. Versate la crema in una ciotolina e aggiustate di sale. Mescolate l'olio aromatizzato all'aglio e portate in tavola.
L'hummus è perfetto per accompangare del pane chapati fatto in casa come ho fatto io o come crema da spalmare sui crostini di pane.
Se preferite può essere una buona crema da accompagnare a un piatto unico di riso e verdure. In questo modo andrete a completare il piatto con la parte proteica.

Nota Macrobiotica:
I Fagioli azuki sono ottimi stimolanti delle funzioni renali, sono drenanti e disintossicanti. Sono tra i fagioli più digeribili.





vellutata di sedano

I tanti impegni di questo periodo purtroppo mi tengono lontana dal blog, ma ho tante ricettine da inserire e non vedo l'ora di condividerle con voi. I miei studi sulla cucina macrobiotica proseguono e devo ammettere che è un mondo affascinante, non meno della mia prima passione , ovvero la cucina ayurvedica.
La ricetta di oggi può essere un ottimo antipasto o come usano nella cucina francese, un valido sostituto del tipico consommè.
Io trovo che iniziare un pranzo o una cena con una piccola ciotolina fumante riscaldi il cuore e lo spirito.. e non dimentichiamo che un brodo caldo aiuta la digestione degli alimenti che seguiranno e in questo modo non solo arricchite la vostra cena ma aiutate anche la digestione dei vostri invitati.

















Vellutata di sedano ( x 4 ciotoline)
2 tazze di gambi di sedano
1 cipolla
2-3tazze di brodo vegetale
2 Cdt di olio di oliva o ghee
1 Cdt di miso a testa



Tagliate la cipolla a fettine, e imbionditela in pentola con l'olio o il ghee. Se utilizzate l'olio aggiungete un cucchiaino di acqua, questo farà in modo che la cipolla non si bruci.
Quando è dorata aggiungete il sedano tagliato a pezzettini e fate soffriggere. Aggiungete 1 tazza di brodo e lasciate stufare coperto fino a quando la verdura non sarà tenera. Non fatela cuocere troppo, 10-15 minuti saranno sufficenti.
Una volta cotta , versate la verdura e il liquido in un frullatore o in un contenitore cilindrico. A questo punto aggiungete la seconda tazza di brodo e frullate. potete usare anche il minipimer o meglio ancora se avete il passaverdura (utilizzate le maglie più larghe per non perdere completamente la fibra del sedano)
Una volta frullato aggiustate la densità a piacere con il brodo e filtrate la vellutata con un colino, in modo da eliminare gli eventuali fili del sedano. La vellutata non deve avere pezzetti di verdura interi, dovete ottenere la consistenza di una crema. Appena versate la crema nelle ciotoline accompagnatele con un cucchiaino di miso a testa. Questo permette di non dover aggiungere sale durante la preparazione perchè il miso è già saporito e salato.



Nota Ayurvedica:
sedano :resa: amaro-astringente
cipolla cotta: rasa dolce

Nota Macrobiotica:
Il miso: deriva dalla fermentazione della soia e di un cereale (di solito riso o orzo) sotto sale. Ha il potere di rafforzare la digestione per la presenza di innumerevoli fermenti vivi. Per questo motivo il miso va sempre aggiunto al piatto a fine cottura. Se venisse cotto i fermenti morirebbero.